Un #archeoacquario per accompagnarci durante l’estate…

Esistono mille modi per visitare un museo, o meglio, si possono inventare mille percorsi tematici diversi per scoprire i reperti esposti in una collezione museale. Allora si possono trovare infinite chiavi di lettura e osservare gli oggetti con l’attenzione rivolta di volta in volta all’aspetto che vogliamo riscoprire. Oppure possiamo notare reperti che altrimenti forse non susciterebbero la nostra attenzione. Possiamo pensare che questo sia un gioco, e forse lo è. Lo abbiamo organizzato su twitter, con l’account del Museo Archeologico Nazionale di Firenze @MAF_Firenze. Abbiamo scelto, vista la stagione che ci invoglia ad andare al mare, di percorrere il nostro museo a caccia, anzi a pesca, di tutti quei reperti che in qualche misura hanno a che fare col mondo sommerso, vuoi perché richiamano direttamente l’ambiente marino, vuoi perché lo rappresentano… Insomma, abbiamo scandagliato il museo e abbiamo trovato alcuni reperti davvero interessanti, che vi proponiamo:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Al tempo stesso, però, abbiamo invitato gli altri musei archeologici italiani attivi su twitter a fare altrettanto, a cercare nelle proprie collezioni reperti e opere attinenti al mondo marino: l’idea è stata quella di formare un grande “museo virtuale del mare” in cui trovano posto oggetti a forma di pesce, reperti fossili, rappresentazioni di mostri marini, e ancora scene di pesca e di paesaggi marini, rappresentazioni di navi e di barche… La raccolta è stata davvero fruttuosa e la potete trovare in un’apposita bacheca che abbiamo creato su Pinterest.

L’#archeoacquario, così abbiamo chiamato questa pesca archeologica nei musei italiani, ci ha tenuto compagnia per 5 settimane: per 5 mercoledì il @MAF_Firenze ha dato appuntamento agli altri musei che si sono fatti coinvolgere e a quanti sono voluti intervenire tra i nostri followers. Al termine di ogni giornata di pesca abbiamo raccolto tutti i tweet del giorno in uno storify, perché è bello e utile lasciare traccia di queste attività! Ve li proponiamo, giorno per giorno: magari riconoscete qualche museo che avete già visitato e vi torna in mente qualche reperto già noto…

L’esperienza dell’#archeoacquario ci è piaciuta, ci ha divertito e ci ha messo in contatto con altre realtà museali italiane attive su twitter consentendoci di costituire una rete sempre più forte di musei che condividono le stesse idee in fatto di comunicazione archeologica online e sui social: una comunicazione che, lungi dall’essere una banalizzazione dell’informazione archeologica, vuole costituire un modo nuovo, più giocoso di vivere la visita in museo. La nostra attività su twitter non è mai fine a se stessa, ma ha come scopo stimolare la curiosità del pubblico che ci segue sui social network verso il museo reale invogliandone una eventuale futura visita. Su questa scia, quindi, abbiamo creato l’ashtag #archeofarm, che sulla falsa riga dell’#archeoacquario chiama a raccolta i musei italiani su twitter a postare i loro reperti attinenti alla vita in campagna. Una nuova caccia in museo ci attende…

Advertisements

2 thoughts on “Un #archeoacquario per accompagnarci durante l’estate…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...