Ferragosto con Archeotoscana!

Lo sapete chi ha inventato il Ferragosto? È stato nientepopodimenoché l’imperatore Ottaviano Augusto il quale durante il suo principato istituì un giorno di vacanza per celebrare la fine dei lavori agricoli legati all’estate. Da allora il giorno delle Feriae Augusti è rimasto immutato come giorno di riposo nel bel mezzo del caldo estivo, giorno di vacanza, libero, da sfruttare per fare ciò che più ci piace.

E allora, perché non ringraziare Augusto (del quale, tra l’altro, quest’anno ricorre il bimillenario della morte) per la sua bella invenzione scegliendo di visitare, il 15 agosto, uno dei musei o delle aree archeologiche statali della Toscana? Qui di seguito vi forniamo gli orari dei Luoghi dell’Archeologia della Toscana, così che possiate organizzare al meglio la vostra giornata:

  • Museo Arezzo BR

    un bicchiere in terra sigillata aretina. Arezzo, Museo Archeologico Nazionale

    Arezzo, Museo Archeologico Nazionale Gaio Cilnio Mecenate: il museo, che sorge sui resti di ciò che un tempo era l’anfiteatro della città romana di Arretium, è dedicato a Mecenate, amico dell’imperatore Augusto, originario di Arezzo e grande sostenitore delle arti e degli artisti del suo tempo. Se volete respirare l’aria di Arezzo ai tempi di Augusto in museo potete perdervi ad osservare l’ampia collezione di vasi e stoviglie in ceramica sigillata aretina, caratterizzata dal bel colore rosso corallino e dalle decorazioni a rilievo sul corpo del vaso: fu una produzione che ad Arezzo, nelle fabbriche dei vasai Ateius, Perennius, Bargathes (per citare i principali) vide la nascita e il suo sviluppo maggiore e che da qui invase i mercati del mondo romano. Tantissime le raffigurazioni che vi potete divertire a riconoscere sui vasi, dalle scene mitologiche a quelle erotiche. A ferragosto il museo è aperto dalle 8.30 alle 19.30, con l’ultimo ingresso alle 18.30.

  • L’Idolino di Pesaro, Firenze, MAF

    Firenze, Musei Archeologici Nazionali: le varie anime del MAF, Museo Egizio, Museo Etrusco e Museo delle Antiche Collezioni, offrono un percorso approfondito sulla civiltà etrusca, su quella egizia e sull’arte greca. Capolavori dell’arte antica come la Chimera d’Arezzo e il Vaso François sono solo due tra i reperti che fanno di questo museo una tappa obbligata per chi vuole immergersi nell’arte egizia, etrusca e greca. Sono molto poche le opere di età romana esposte: tra queste l’Idolino di Pesaro è senz’altro il più importante: la statua in bronzo di un giovinetto che aveva, nel I secolo d.C. quando fu realizzata, la funzione di portalampada. A ferragosto il MAF è aperto dalle 8.30 alle 14.00, con l’ultimo ingresso alle 13.15.

  • Chiusi, Museo Nazionale Etrusco: il museo è dedicato alla città di Chiusi, dapprima importante centro etrusco (di Chiusi era il re Porsenna, che diede del filo da torcere ai Romani), quindi centro romano. Per meglio affrontare il percorso di visita, secondo i vostri interessi o le vostre curiosità, potete scaricare l’App gratuita del Museo di Chiusi. A ferragosto il Museo Nazionale Etrusco è aperto dalle 9.00 alle 20.00, con l’ultimo ingresso alle 19.30.
  • Ansedonia, area archeologica di Cosa e Museo: molti conoscono l’area archeologica di Cosa, in pochi sanno che al suo interno è allestito un piccolo ma interessante museo che racconta la vita materiale della colonia romana di Cosa fondata nel 273 a.C. e che ebbe lunga vita, fino alla fine dell’Impero. A ferragosto area archeologica e museo sono aperti dalle 8.30 alle 19.30, con l’ultimo ingresso alle 19.00.
  • Area archeologica di Cortona: la visita all’area archeologica comprende le due tombe a tumulo etrusche di Camucia e “Melone II” del Sodo, scavate dagli archeologi in anni recenti e cui è stata dedicata fino a un mese fa al MAF la mostra “L’Alba dei Principi Etruschi“. A ferragosto l’area archeologica è aperta dalle 8.30 alle 13.30, con l’ultimo ingresso alle 13.15.
  • uno scorcio estivo di Roselle

    uno scorcio estivo di Roselle

    Roselle, area archeologica: una passeggiata archeologica nella città etrusca e poi romana di Roselle non è completa se non si vedono i mosaici della domus dei Mosaici, recentemente restaurati, e l’anfiteatro. A ferragosto l’area archeologica è aperta dalle 8.30 alle 19.30, con l’ultimo ingresso alle 18.45.

  • Vetulonia, area archeologica: vicino a Roselle sorgeva un’altra città, prima etrusca e poi romana, Vetulonia. I suoi antichi monumenti sono visitabili in un’area archeologica che a ferragosto è aperta dalle 8.30 alle 13.30, con l’ultimo ingresso alle 13.15.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...