Archeodidattica, Archeopercezioni e Archeoscoperte: anticipazioni sul programma delle attività didattiche della SBAT

Settembre, ricomincia la scuola. E con la scuola ricominciano le attività didattiche nei musei. Anche quest’anno i Servizi Educativi della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana hanno approntato un ricco programma di attività didattiche destinate alle scuole di ogni ordine e grado: un programma che prevede sia “conferenze” in museo che visite guidate, che laboratori, nelle varie sedi museali statali della Toscana. Il programma verrà pubblicato sul sito del Provveditorato agli Studi della Regione Toscana sabato 20 settembre e a seguire pubblicizzato sul sito web dei Servizi Educativi della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana. Ma la presentazione ufficiale avverrà il 1 ottobre 2014, con l’evento “La palestra del sapere“, Giornata di presentazione dell’offerta didattica 2014-2015. In quell’occasione, di cui parleremo meglio nei prossimi post, sarà presentato il programma, che è stato studiato e architettato sulla base dell’esperienza maturata lo scorso anno scolastico, 2013-2014, quando furono lanciati, riscontrando una notevole risposta, i laboratori e le attività dell’Archeodidattica.

archeodidattica_striscia

Quest’anno l’offerta si amplia. É stato approntato, infatti, anche un programma di attività extrascolastiche, rivolte, a seconda delle circostanze, al pubblico adulto, ai bambini e alle famiglie: sono le Archeopercezioni e le Archeoscoperte. Anche di queste attività troverete il programma completo di queste attività sul sito web dei Servizi Educativi della SBAT, mentre per ora vi accenniamo solo alle iniziative principali… un assaggio, insomma, tanto per stuzzicare la vostra curiosità!

Dunque, Archeopercezioni e Archeoscoperte… Di cosa si tratta? Ve lo spieghiamo subito!

archeopercezioni_striscia

Con il nome di Archeopercezioni intendiamo iniziative rivolte ad un’utenza ampliata, con particolare attenzione ai soggetti con disabilità sensoriale e cognitiva. Sulla scia delle Visite Tattili che si sono svolte durante la primavera 2014, si è deciso di rendere i Percorsi Multisensoriali un appuntamento fisso, che si svolgerà ai Musei Archeologici Nazionali di Firenze il terzo sabato di ogni mese.

archeoscoperte_striscia

Accanto alle Archeopercezioni i Servizi Educativi hanno stilato un programma di Archeoscoperte: si tratta di un calendario piuttosto ampio e variegato che va da particolari eventi organizzati per Giornate particolari, come le Giornate Europee del Patrimonio (quest’anno il 20-21 settembre) o la Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo (quest’anno il 12 ottobre), ad appuntamenti fissi, da segnare in agenda. Per esempio, da novembre tutti i sabati i bambini (dai 5 ai 12 anni) potranno visitare il museo con lo Zaino dell’Archeologo, uno zainetto che potranno richiedere all’ingresso del Museo e all’interno del quale troveranno un kit utile per esplorare il museo divertendosi; sempre da novembre, il secondo sabato del mese, per il pubblico adulto è stato pensato “Luci ed ombre“, un percorso che accanto ad uno dei capolavori noti dei Musei Archeologici Nazionali di Firenze, illustrerà uno o più reperti esposti non altrettanto noti e che però potranno rivelare tantissime sorprese…

Una poltrona al museo: evento per le Giornate Europee del Patrimonio, 20.09.2014

Una poltrona al museo: evento per le Giornate Europee del Patrimonio, 20.09.2014

Per quanto riguarda invece gli eventi in Giornate particolari, vi segnaliamo intanto l’attività che si svolgerà ai Musei Archeologici Nazionali di Firenze sabato 20 settembre al mattino (ore 9.30 e 11.30) in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio: “Una poltrona al museo”: i visitatori che si saranno prenotati (tel. 3351449237) saranno accolti dal personale del museo nell’area conferenze, dopodiché saranno invitati a seguire un percorso attraverso le sale del museo che tocchi i capolavori conservati al MAF: i grandi bronzi al primo piano (Minerva e Chimera), il vaso François, i kouroi Milani e la testa di cavallo Medici Riccardi al secondo piano. Sarà fornita una cartellina contenente l’elenco delle opere, la loro localizzazione nelle sale e spazi vuoti per annotazioni o disegni. I visitatori saranno invitati a proseguire la visita da soli soffermandosi a contemplare le opere, davanti alle quali saranno predisposte apposite postazioni per sedersi, dieci minuti per ciascuna opera. Per la visita sarà data un’ora di tempo, allo scadere della quale i visitatori si ritroveranno nell’area conferenze dove saranno invitati a condividere la propria esperienza, con la guida dell’operatore che risponderà a domande, inviterà alla riflessione sul significato dei capolavori e ne illustrerà la storia attraverso i secoli.

Se già durante lo scorso anno scolastico vi abbiamo dato conto dell’Archeodidattica attraverso i nostri canali social, quest’anno a maggior ragione vi aggiorneremo costantemente: il sistema social della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana ha aderito su twitter e su Pinterest a #museumschool, un’iniziativa che vuole mettere in rete i musei italiani che dedicano alle iniziative di didattica museale ampia parte della loro attività.

Per ora è tutto. Vi abbiamo stuzzicato la curiosità? 😉

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...