“Nostoi”: archeologia narrante e arti performative a Populonia

Nel 2013 il Museo Archeologico Nazionale di Firenze ospitò il primo capitolo del Progetto Nostoi, progetto europeo di valorizzazione delle aree archeologiche minori del Mediterraneo con l’obiettivo di “far parlare” i siti archeologici attraverso le espressioni della creatività contemporanea. Il progetto si svolse inizialmente in Toscana, poi si spostò in Tunisia, e si conclude ora, con un cantiere artistico internazionale, per la sua puntata conclusiva.

Populonia, Necropoli di San Cerbone (credits: Serena Gallorini)

Populonia, Necropoli di San Cerbone (credits: Serena Gallorini)

Il 28 e il 29 marzo infatti, presso la Necropoli di San Cerbone (LI) 30 artisti italiani e tunisini, guidati dal regista Michael Marmarinos, faranno vivere il sito archeologico attraverso le arti performative: nella Necropoli di San Cerbone, presso il parco archeologico di Baratti e Populonia, i visitatori saranno coinvolti nelle nuove esperienze di visita di “Nostoi”, modello sperimentale di archeologia narrante che racconta e fa vivere i siti archeologici attraverso i linguaggi delle arti contemporanee.

“Nostoi – storie di ritorni e di esodi” nasce da un progetto di cooperazione internazionale tra Italia, Tunisia e Francia, teso a incoraggiare lo scambio tra operatori culturali del bacino del Mediterraneo e il dialogo e la mobilità tra giovani artisti, favorendo la creazione di progetti comuni. Il messaggio del progetto, a pochi giorni dall’attentato presso il Museo del Bardo di Tunisi (avvenuto lo scorso 18 marzo), acquista ancora più forza e valenza.

In lingua greca, Nostoi vuol dire “ritorni”: il nome prende spunto dal ciclo epico che racconta il ritorno in patria dei Greci dopo la distruzione di Troia, di cui fa parte l’Odissea e il peregrinaggio di Ulisse verso Itaca. L’iniziativa si è sviluppata in due cantieri di residenza artistica: 30 giovani artisti italiani e tunisini, selezionati tra centinaia di candidati, stanno lavorando insieme per la prima volta, guidati in Italia dal regista greco Michael Marmarinos e a Cartagine Byrsa dall’artista tunisino Kais Rostom, scenografo, pittore e musicista.

Durante le due giornate di visita a San Cerbone, la storia della necropoli – uno dei monumenti più importanti della civiltà etrusca, situata ai piedi della collina dove sorgeva la città di Populonia, nota fin dall’antichità per l’intensa attività metallurgica legata alla produzione del ferro – si svelerà attraverso l’espressione, il movimento e i suoni veicolati dagli artisti, creando un’esperienza narrativa inedita e unica. Secondo il principio ispiratore di questo progetto, il visitatore per entrare davvero in contatto con il sito archeologico deve mettere in atto un “rito”: saranno quindi le diverse arti performative il mezzo attraverso il quale si potrà conoscere la storia del sito, trasformando la visita in un dialogo con il luogo.

L’esperienza artistica proseguirà poi a Cartagine Byrsa, dove gli stessi 30 artisti lavoreranno con Kais Rostom, con il coordinamento del Teatro Nazionale di Tunisi, diretto da Fadhel Jaibi. Le nuove esperienze di visita in Tunisia si svolgeranno il 16 e 17 maggio.

 NOSTOI_CARTOLINA_01_LR

Per partecipare alle visite sperimentali alla Necropoli di San Cerbone a Populonia del 28 e 29 marzo (con inizio ore 10.30) contattare il numero 0565 226445, tutti i giorni dalle ore 10.00 alle ore 14.00, o scrivere a prenotazioni@parchivaldicornia.it. Per ulteriori informazioni www.nostoi.eu.

Advertisements

2 thoughts on ““Nostoi”: archeologia narrante e arti performative a Populonia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...