Giornate Europee del Patrimonio 2015: gli eventi di archeologia in Toscana

Come ogni anno a Settembre si celebrano a livello europeo le Giornate Europee del Patrimonio, un week-end di appuntamenti e di iniziative per il pubblico nei musei e nelle aree archeologiche. La Toscana partecipa con una serie di eventi che si svolgeranno nella giornata e nella serata di sabato 19 e nella giornata di domenica 20 settembre. Vi abbiamo già segnalato gli appuntamenti del Museo Archeologico Nazionale di Firenze. Vediamo quali altre iniziative sono in programma:

LABORATORIO DI ARCHEOANTROPOLOGIA DELLA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGIA DELLA TOSCANA

Sabato 19 settembre ore 9,00 -13,00

Apertura straordinaria con Visite guidate con illustrazione dei trattamenti conservativi dei reperti osteologici umani ed animali da sottoporre alle analisi antropologiche. Verranno mostrati alcuni esempi delle caratteristiche genetiche, degli indicatori di attività fisica, delle abitudini alimentari, delle malattie e anomalie che si possono osservare sulle ossa. Indirizzo: Via dei Rossi, 26, Scandicci; Informazioni: Tel: 055 253273

CENTRO DI RESTAURO DELLA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGIA DELLA TOSCANA

20 settembre, Ore 10,00 -14,00

Apertura straordinaria, con vsite guidate con illustrazione dei restauri in corso, delle strumentazioni e delle metodologie adottate, con proiezione di un video sull’attività del Centro. Indirizzo: Largo del Boschetto, 3  Firenze; Informazioni: Tel: 055 0949300

CAPRAIA E LIMITE, VILLA ROMANA DELL’ORATORIO

Il mosaico della villa romana dell'Oratorio

Il mosaico della villa romana dell’Oratorio

Sabato 19 settembre ore 9,00-13,00   15,00-19,00

Apertura straordinaria e presentazione del mosaico figurato messo in luce durante gli scavi recenti realizzati in collaborazione con il Dipartimento di Civiltà e Forme  del Sapere dell’Università di Pisa – Prof. Cantini.  Nello specifico verrà mostrata al pubblico una nuova porzione del mosaico figurato del IV sec. d. C. con scena di caccia al cinghiale, rinvenuto nel 2010 in un vano della villa romana dell’Oratorio-Le Muriccia a Limite sull’Arno. Un recentissimo saggio ha permesso di individuare un’altra ampia parte di mosaico figurato policromo. Indirizzo: Via Palandri, 41 –Limite sull’Arno. Per informazioni: Lorella Alderighi  3351449119 – lorella.alderighi@beniculturali.it; Federico Cantini 3470013426 –   federico.cantini@unipi.it

AREA ARCHEOLOGICA DI MONTEFORTINI (Comeana- PO)

Sabato 19 settembre, ore 19,00-23,00

Apertura straordinaria notturna con visite guidate: i visitatori verranno accompagnati nella suggestiva cornice notturna a visitare le due tombe del tumulo e verranno illustrati il significato, la cronologia e la storia degli scavi. Indirizzo: Via Garibaldi,43 Comeana; Informazioni: Tel: 055 8719741

PISA, SEDE DISTACCATA DELLA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGIA DELLA TOSCANA

 Sabato 19 settembre, ore 9,00-13,00

Etruschi, Liguri e Romani nei depositi della Soprintendenza”: Apertura straordinaria della Sede con visite guidate all’esposizione dei reperti dalla necropoli etrusca di Pisa/Via Marche e dalla necropoli ligure di Pulica (Fosdinovo)Informazioni:  Tel: 050 40709

COSA, MUSEO E AREA ARCHEOLOGICA

Il 19 settembre, dalle 16,30 presso il Museo Nazionale e l’area Archeologica di Cosa si svolgerà l’iniziativa “A cena a Casa di Diana. Dalle ricette di Apicio alle tradizioni della Laguna”.

Locandina CosaL’evento, frutto della stretta collaborazione tra Slow Food Toscana, Slow Food Condotta di Orbetello e Soprintendenza Archeologia della Toscana, si colloca all’interno del progetto educativo Archeo Slow. Il progetto, ideato e realizzato da Slow Food Toscana, con il patrocinio della Regione Toscana e, nel caso specifico, del Comune di Orbetello, è volto alla scoperta, promozione e valorizzazione del patrimonio storico e gastronomico regionale attraverso eventi che coinvolgano parchi, musei ed aree archeologiche al fine di creare un costante dialogo tra passato e presente, tra luoghi della cultura e comunità attuali anche sotto il profilo della biodiversità e delle tradizioni culinarie. A Cosa, l’iniziativa si svolge dalle 16,30 alle 23,30 e prevede, in sequenza, la visita guidata alla Casa di Diana, una conferenza a tema a cura del Direttore del Museo, l’intervento di produttori locali e una degustazione di prodotti tipici cucinati secondo le ricette del romano Apicio a cura di Slow Food Condotta di Orbetello. La serata si chiude con l’apertura in notturna del Museo, con una visita guidata ai reperti esposti.

Per i più golosi o curiosi un anticipo del “Menù”, tratto dal De Re Coquinaria di Apicio: Mitili alle erbe, Terrina di pesce in salsa, Budino di formaggio e Budinetti di farro, Semolino fritto e Dolcetti al pepe, Miele condito e Vini del territorio.

Qui trovate il depliant relativo all’iniziativa. Ecco invece il programma completo:

Sabato 19/09/2015, dalle 16,30 alle 23,30 “A cena a Casa di Diana, dalle ricette di Apicio alle tradizioni della Laguna”

Ore 16,30: visita guidata alla Casa di Diana

Ore 18,30 Una tavola imbandita con vasellame rinvenuto nelle case di Cosa sarà l’occasione per approfondire il tema sull’alimentazione antica e su contenuti (alimentari) e contenitori di età romana (a cura del Direttore di Museo e Area Archeologica)

Ore 19,30 Degustazione di piatti realizzati con prodotti locali attraverso le ricette di Apicio ed incontro con alcuni produttori locali, a cura di Slow Food Condotta di Orbetello (Comunità del cibo dei Pescatori di Orbetello, produttore di miele e Viticoltori eroici dell’isola del Giglio).

Fino alle 23,30 Apertura in notturna del Museo con visite guidate

Degustazione su prenotazione, con un contributo di € 5 per i Soci Slow Food e € 10 per i Non Soci (Prenotazioni Slow Food Orbetello, manu.buffa@gmail.com; Museo Archeologico Nazionale di Cosa tel. 0564 881421)

Biglietto del Museo 2 euro; ridotto 1 euro (giovani 18-25 anni)

Monete cosaIl 20 Settembre alle 17,30, presso il Museo Archeologico Nazionale di Cosa è prevista la conferenza, a cura di Fiorenzo Catalli, numismatico della Soprintendenza Archeologica di Roma, dal titolo : “Il tesoretto di Quinto Fulvio e altri rinvenimenti monetali del territorio”.

Nella stessa occasione saranno esposti nel Museo per la prima volta i 2004 denari d’argento rinvenuti a Cosa nella cd Casa del Tesoro o di Quinto Fulvio che sorgeva proprio dove è stato costruito il Museo Archeologico.

SESTINO (AR), ANTIQUARIUM NAZIONALE

19 settembre:

Alla scoperta di Sestino romana

Antiquarium nazionale di Sestino, la cosiddetta Venere delle terme di Sestino

Antiquarium nazionale di Sestino, la cosiddetta Venere delle terme di Sestino

Presso l’ex-palestra del Comune, alle 17.30 si terrà un “Caffè letterario” sulla cosiddetta Venere di Sestino, statua rinvenuta nel 1984 negli scavi delle terme della città. A partire dalle ore 20.00 fino alle ore 22.00, sarà possibile visitare l’Antiquarium e le antiche terme recentemente riaperte, alla scoperta delle origini di Sestino.

Ore 17.30: Caffè letterario sul tema “La Venere di Sestino”.

Ore 18.30-22.00: Visite guidate all’Antiquarium e alle terme di Sestino.

20 Settembre:

Una Montagna di storia”.

Antiquarium Nazionale di Sestino, il monumento funerario

Antiquarium Nazionale di Sestino, il monumento funerario

Giornata dedicata alla suggestiva escursione sul Sasso di Simone, dove Cosimo I progettò la costruzione di una città-fortezza per difendere i confini del Granducato. La partenza è prevista alle ore 9.00 da Casa del Re (Sestino). Al rientro, presso la Biblioteca Culturale di Sestino, a partire dalle 15.30 si terrà una tavola rotonda dal titolo “La montagna appenninica tra patrimonio culturale e siluppo”, con la presentazione, da parte degli enti presenti sul territorio, dei progetti e delle attività in corso e degli ultimi anni su conoscenza, tutela e valorizzazione del patrimonio archeologico di Sestino e, più in generale, dell’Alta Valtiberina toscana.

Ore 9.00: escursione sul Sasso di Simone

Ore 15.30: tavola rotonda sul tema “La montagna appenninica tra patrimonio culturale e sviluppo

Interverranno:

sestinoMarco Renzi (Sindaco di Sestino): Introduzione ai lavori
Michele Bueno, Giovanni Roncaglia (Soprintendenza Archeologia della Toscana): Tutela e valorizzazione del patrimonio archeologico di Sestino e della Valtiberina
Angela Pierli (Archivio Comunale di Sestino): Un archivio in attesa di riordino: le antiche carte dell’archivio comunale di Sestino
Luca Mandolesi (AdArte snc): Nuove tecnologie applicate ai beni culturali
Fulvio Piegai, Luca Mandolesi (Comune di Badia Tedalda – Museo della Pro Loco): Il museo della Pro Loco. Nuove prospettive
Paolo Lelli (Cooperativa Archeologia): Dieci anni di ricerche a Sestino e in Valtiberina
Gabriele Mazzi (Museo della Battaglia e di Anghiari): Museo e paesaggio in Valtiberina Toscana: il Museo della Battaglia e di Anghiari
Adriana Moroni (Dipartimento di Scienze Fisiche, della Terra e dell’Ambiente dell’Università degli Studi di Siena): Il popolamento pre-protostorico dell’Alta Valtiberina toscana. I risultati di un trentennio di ricerche dell’Università di Siena e della Soprintendenza Archeologia della Toscana
Silvia Polla (Institut für Klassische Archäologie – Freie Universität Berlin): “Upper Tiber Valley Survey”. Metodologie integrate per lo studio di insediamento e economia rurale nell’Alta Valle del Tevere

AREZZO, MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE GAIO CILNIO MECENATE

gep2015 arezzoSabato 19 settembre:
– ore 15,30 e 17,00 (ritrovo in via San Francesco, ingresso sottosagrato. Gratuito.): Sentiero d’archeologia. La “Mensa Vasorum” e il “Piccolo Mare”. Gli ambienti della convivialità nell’edilizia residenziale romana ad Arezzo
Apertura al pubblico con visite guidate delle aree archeologiche, normalmente chiuse al pubblico, del Sottosagrato di S. Francesco e di palazzo Lambardi, per illustrare due spaccati dell’antica Arretium conservati sotto la città moderna, dalle fasi etrusche agli insediamenti residenziali di età romana che conservano in posto straordinari piani pavimentali musivi e hanno restituito il vasellame da cucina e da mensa rinvenuto in una “credenza” posta in uno degli ambienti della domus.
– ore 19,30-23,30
Apertura serale del Museo (ingresso con normale bigliettazione).
– ore 21,15
Alle origini dei Musei di Arezzo: Antonio Fabroni e il Museo Pubblico di Fraternita“.
Conferenza a cura della Dott.ssa Anna Goti sulla figura e le opere di Antonio Fabroni, e inaugurazione dello spazio espositivo dedicato (ingresso gratuito).

gep2015 arezzoDomenica 20 settembre:
– ore 14-18
Apertura del Museo (ingresso con normale bigliettazione).

– ore 14-16: “Il thermopolium e il triclinium. Due modi di consumare il cibo in età romana
Percorsi guidati nell’Anfiteatro e nel Museo con illustrazione di un thermopolium, bottega per la preparazione e la vendita del cibo lungo la strada, di un plaustrum, carro agricolo usato per trasportare i prodotti dei campi in città, e di un triclinium, ambiente dedicato al rito del pasto e alla convivialità nella domus romana (in collaborazione con la Fraternita dei Laici di Arezzo; ingresso con normale bigliettazione).

– ore 16-18: “Due passi nel tempo. La musica, cibo dell’anima”.
Concerto per flauto del Maestro Roberto Pasquini (in collaborazione con la Fraternita dei Laici di Arezzo; ingresso gratuito).

CORTONA, AREA ARCHEOLOGICA DEL SODO (Camucia AR)

Domenica 20 settembre, ore 9,00 -13,00: Visite guidate ai Tumuli del Sodo. Ore 15,00 – 17,00 Visita guidata al Laboratorio di restauro.

I tumuli di Cortona sono databili al VI sec. A.C., il I° è stato indagato nel 1909 dal primo Soprintendente, Luigi Adriano Milani e restaurato nel 1916-23, il II° tumulo è provvisto di una piattaforma- altare rinvenuta all’inizio degli anni Novanta e restaurata negli anni successivi.

Nel 2007 è stato inaugurato il Centro di restauro, nel quale è attualmente in corso il restauro dei reperti rinvenuti fra il 2005 e il 2012 nei Circoli funerari arcaici scoperti vicino al II tumulo e databili fra la fine dell’VIII e l’inizio del VI a. C.

Informazioni: luca.fedeli@beniculturali.it   Tel: 055 2357743

ROSELLE, AREA ARCHEOLOGICA

Sabato 19 settembre Apertura notturna, ore 19,00 – 23,00 (ultimo ingresso ore 22) con visite guidate

Domenica 20 settembre ore 10,00 – 14,00 visite guidate

Le visite guidate evidenzieranno i lavori di restauro svolti negli ultimi due anni nell’area della cinta muraria etrusca, delle tabernae romane, della domus dei mosaici, degli edifici pubblici sul lato settentrionale del foro, della cisterna romana e della fontana in travertino con la nuova illuminazione dei principali complessi monumentali.

AREA ARCHEOLOGICA DI VETULONIA

sabato 19 settembre, ore 10,00 – 14,00 e ore 15,00 – 19,00: Visite guidate a Vetulonia, l’Area archeologica di Costa Murata

Domenica 20 settembre, ore10,00 –  14,00  e ore 15,00 – 19,00: Visite guidate a Vetulonia, Tomba della Pietrera e Area archeologica di Costa Murata

Nel centenario della nascita di Anna Talocchini, funzionario della Soprintendenza che per primo scavò estesamente l’area di Costa Murata, entrata a far parte dell’area archeologica di Vetulonia aperta al pubblico, saranno effettuate visite guidate gratuite. Il punto di ritrovo è il Corpo di Guardia in Via Case di Siena,6 Vetulonia. Informazioni: Tel.0564 949587

CHIUSI, MUSEO NAZIONALE ETRUSCO

Sabato 19 settembre ore 17.00 si svolge il convegno “Chiusi dal mito greco al banchetto etrusco: dall’Esposizione Universale di Parigi (1867) a EXPO di Milano (2015)”

Un filo lungo 150 anni lega l’Esposizione Universale svoltasi a Parigi nel 1867 a quella di Milano del 2015 in corso di svolgimento. In entrambe le esposizioni si è posta all’attenzione la storia etrusca di Chiusi: nel 1867, testimoniata da due vasi – uno dei quali ancora esposto nel Museo Nazionale Etrusco – e monili d’oro, mentre nel 2015 dalla Tomba della Scimmia e dalla Tomba del Colle, i più antichi esempi di tombe dipinte conservate nell’ Etruria interna, per le quali sono state previste dal Ministero per i Beni e le Attività culturali, MiBACT, aperture straordinarie nella giornata di domenica. Ingresso gratuito solo per il convegno.

ore 21,00: spettacolo musicale a cura della Corale Jacob Arcadelt che proporrà un repertorio di musica sacra e profana dal Medioevo all’epoca moderna.

Domenica 20 settembre ore 11,00 visita guidata “La Collezione Paolozzi: il mosaico della caccia”.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...