Chiusi, iniziative per il pubblico per il 6 e l’8 Marzo e nuove scoperte

Domenica 6 marzo torna, a Chiusi come su tutto il territorio nazionale, la #Domenicalmuseo, con ingresso gratuito; in concomitanza con la ricorrenza della Festa della Donna questo mese sono in programma iniziative speciali, con visite guidate a tema alla Necropoli di Poggio Renzo ed al museo, e iniziative dedicate ai più piccoli, secondo il programma illustrato nella locandina:

locandina6mLa necropoli recentemente è stata luogo di importanti scoperte archeologiche. La collina di Poggio Renzo, di cui fanno parte la Tomba della Scimmia, del Leone e della  Pellegrina (visitabili con il biglietto del Museo) si trova a circa un chilometro e mezzo dal moderno abitato di Chiusi. Esplorata già da metà ‘800, è stata a più riprese oggetto di scavo, finché il 30 gennaio 2016 una ricognizione aerea del Gruppo Archeologico Città di Chiusi fa scattare una serie di accertamenti.
Il volo del pilota Roberto Rocchi, insieme ad alcuni esponenti del gruppo, aveva consentito di segnalare alla Soprintendenza e ai locali Carabinieri una cavità che si apriva nel terreno in località Poggio Renzo. La Soprintendenza insieme ai Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Firenze e alla Stazione dei Carabinieri di Chiusi procedeva ad un primo sopralluogo nell’area indicata al fine di accertare la natura del rinvenimento.
Sul posto, in proprietà privata, appariva sul terreno una profonda cavità circolare.
La cavità, di circa tre metri di diametro e quasi altrettanti di profondità, sembrava ricavata nel conglomerato a grossi ciottoli che si alterna a strati di arenaria e costituisce la collina di Poggio Renzo. La cavità presentava segni di recenti manomissioni e forte era il rischio di ulteriori scavi clandestini così da consigliare di procedere immediatamente con la sorveglianza del luogo e gli accertamenti necessari.

DSC_0027Il 21 febbraio è stata definitivamente accertata l’esistenza di un’altra sepoltura etrusca, riempita parzialmente di terreno e con alcune porzioni di una delle camere franate in tempi non recenti. È probabile che chi ha scavato il pozzo circolare abbia intercettato il dromos, cioè il corridoio di accesso della tomba a camera, corridoio che sembrerebbe ancora tutto da indagare e non oggetto di scavi clandestini; difficile dire, invece, quanto la sepoltura etrusca sia intatta, anche a seguito del parziale riempimento delle camere.
Al momento si può affermare che si tratta di tomba a camera, verosimilmente con due ambienti separati da un atrio centrale, con traccia di pittura rossa a incorniciare per lo meno la porta di accesso ad una delle celle laterali.
Tipologia e caratteri costruttivi ci consentono di affermare che siamo in presenza di una sepoltura databile quasi sicuramente agli inizi del V secolo a.C. quando Chiusi è interessata, a partire dall’epoca di Porsenna, dal fenomeno delle tombe a camera dipinte, analogamente a quanto meglio documentato per alcuni centri dell’Etruria meridionale.
Il rinvenimento è di notevole interesse perché consente di tornare ad indagare una delle necropoli più importanti d Chiusi, con le metodologie stratigrafiche e le nuove tecnologie che i tempi consentono.
A tutti i soggetti coinvolti a vario titolo nell’indagine spetta ora un compito complesso ma estremamente affascinante: ricerche d’archivio per rintracciare eventuali antiche segnalazioni della sepoltura, un lungo lavoro di indagine archeologica per definire nel dettaglio tutti gli aspetti del rinvenimento, il presidio e la protezione della struttura, il suo restauro e forse anche la valorizzazione in un percorso di visita, a fianco delle altre camere ipogee già aperte al pubblico.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...